Ecco quanto consuma una pompa di calore in casa


Vorreste acquistare una pompa di calore ma non sapete quanto consuma? Ecco alcuni fattori chiave da tenere in considerazione se volete ridurre i costi energetici.

Ecco quanto consuma una pompa di calore in casa

L’efficienza di una pompa di calore si misura con il CoP. Questa unità è determinata misurando la quantità di energia immessa (in questo caso, l’elettricità) e la quantità di energia (calore) prodotta.

Una pompa di calore con un CoP di tre può creare tre kW di calore per ogni kW di elettricità.

Un’abitazione media richiede circa 12.000 kilowattora (Kwh) di calore all’anno. Pertanto, per ottenere questo risultato, una pompa di calore con un CoP di tre utilizzerebbe 4.000 kWh di elettricità all’anno.

Questa cifra dipende dalle dimensioni dell’abitazione, dal grado di isolamento e dalla quantità di acqua calda utilizzata. Dipende anche dall’efficienza della pompa di calore. Una pompa di calore con un CoP pari a quattro consuma meno elettricità per produrre la stessa quantità di calore.

L’elettricità costa circa 14,0 Cop per kWh. Ciò significa che i costi di gestione della vostra pompa di calore potrebbero aggirarsi intorno ai 560 euro all’anno.

Questa cifra probabilmente non è molto diversa da quella delle bollette del gas. Secondo l’Ofgem, la famiglia media spende ogni anno circa 630 euro per il gas naturale.

Come ridurre la bolletta elettrica con una pompa di calore?

Anche se le bollette energetiche probabilmente si ridurranno se si passa a una pompa di calore, si registrerà un aumento del consumo di elettricità.

Fortunatamente, esistono alcuni modi per limitare il consumo energetico della pompa di calore e ridurre la bolletta elettrica.

Innanzitutto, evitate di modificare la temperatura impostata. Alzando e abbassando spesso la temperatura a seconda del caldo o del freddo, la pompa di calore consumerà più energia.

Se mantiene la stessa temperatura, consumerà meno energia. Impostate il termostato su una temperatura specifica e non modificatela.

Vale la pena di notare che abbassare il termostato di un grado può comportare una riduzione del 2,5% delle bollette energetiche; ad esempio, si può modificare la temperatura a 20 °C rispetto a 21 °C.

In secondo luogo, controllate la temperatura dell’acqua di riscaldamento. Se è impostata troppo alta, la pompa di calore consumerà più energia per portare l’acqua alla temperatura corretta.

È possibile ridurre la temperatura dell’acqua a 40 °C o meno. Questo valore sarà comunque sufficiente per riscaldare la casa in modo efficiente.

Pubblicità

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...