Razionamento – Condizionatori, stretta sui consumi.


L’imperativo di diversificare gli approvvigionamenti di metano smontando progressivamente la dipendenza da Mosca che, al momento, fornisce all’Italia il 38% del suo fabbisogno.

Ma soprattutto l’obbligo di cominciare a razionare i consumi di uffici ed abitazioni.

Perché coprire per intero, da subito, le forniture russe non è praticabile.

Se però l’Europa dovesse adottare la linea più dura procedendo all’embargo del metano, il piano nazionale è quello di limitare i consumi, pompando le riserve attuali nella stagione estiva per non trovarsi scoperti in inverno quando il metano serve per alimentare le centrali termiche degli edifici necessarie per i riscaldamenti.

Così da maggio il governo dà il via all’«operazione termostato».

Un emendamento al decreto Bollette prevede in tutti gli uffici pubblici al netto di ospedali e case di cura di tenere i condizionatori a non meno di 27 gradi con una tolleranza massima di due (dunque 25 gradi).

In inverno invece i riscaldamenti dovranno rispettare il limite di 19 gradi, con una tolleranza fino a 21.

L’obiettivo è ridurre i consumi di metano per 4 miliardi di metri cubi all’anno.

Oggi il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, e il collega agli Esteri, Luigi Di Maio, voleranno prima in Angola e poi in Congo dove incontreranno i ministri omologhi.

In Angola è prevista la firma di una dichiarazione di intenti che, per conto di Eni (per questo in missione ci sarà anche l’amministratore delegato Claudio Descalzi) prevede nuova capacità di liquefazione del gas realisticamente attorno agli 1,5 miliardi di metri cubi all’anno dal 2023.

Eni ha una quota, del 13,6%, di Angola Lng la cui capacità di liquefazione è pari a 5,25 milioni di tonnellate all’anno.

E fa parte di un altro consorzio con un nuovo progetto di estrazione.

In Congo le forniture sarebbero tarate attorno ai 5 miliardi di metri cubi ma dal secondo trimestre 2023.

Ieri mattina il presidente del Consiglio, Mario Draghi, fermo in Umbria a causa del Covid, ha avuto un colloquio telefonico con il presidente della Repubblica del Congo, Dénis Sassou N’Guesso.

LEGGI ANCHE I SEGUENTI ARTICOLI

Razionamenti nei supermercati al via, ecco dove sono già iniziati

Draghi avverte l’Italia: “Prepariamoci a tutto”. Pressing Ue sui rincari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...