Covid: ricerca italiana mostra come dimezzare morti


Con la diagnosi precoce si può dimezzare il numero dei morti tra i pazienti ricoverati per Covid nelle Terapie Intensive. È questo in estrema sintesi il risultato di una ricerca italiana condotta al policlinico Sant’Orsola di Bologna. Da mesi ormai il rapporto tra Covid e danno polmonare è sotto la lente d’ingrandimento del mondo scientifico. Una recente ricerca ha dimostrato che per tre pazienti su dieci i danni polmonari saranno cronici.

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica The Lancet Respiratory Medicine, è stato coordinato dal professor Marco Ranieri. La ricerca ha visto la partecipazione del professor Franco Locatelli dell’Ospedale Bambino Gesù di Roma, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato Tecnico Scientifico, che sta affiancando il governo nella gestione dell’emergenza Covid.

Covid e danno polmonare: con la diagnosi precoce risultati importanti

Occorre identificare nel modo più veloce possibile i pazienti che presentano un cosiddetto doppio danno polmonare. Si tratta di persone a cui il coronavirus ha danneggiato sia i capillari, sia gli alveoli presenti nei polmoni. Sei pazienti su dieci che manifestano questo doppio danno ai polmoni muore. Se però si riesce a fare una diagnosi precoce è possibile arrivare a far scendere anche del 50% il numero delle vittime. Quando invece il coronavirus colpisce o gli alveoli o i capillari, la mortalità scende al 20 per cento.

Molti gli ospedali coinvolti

I ricercatori del policlinico emiliano hanno analizzato i dati di 301 pazienti ricoverati in diversi ospedali italiani. Oltre a quelli del Sant’Orsola e del Bambino Gesù, i pazienti ricoverati al Policlinico di Modena,  all’Ospedale Maggiore e all’Istituto Clinico Humanitas di Milano, all’Ospedale San Gerardo di Monza e al Policlinico Gemelli di Roma. Il team di esperti ha dimostrato che agendo nel più breve tempo possibile sul doppio danno polmonare si possono salvare molte vite.

Covid e danno polmonare: quali sono le conseguenze della ricerca

Per riconoscere il fenotipo del paziente, cioè il modo in cui si manifesta la malattia, è sufficiente eseguire due esami che misurino la funzionalità del polmone la distendibilità del polmone minore di 40, invece del valore di 100 e il parametro ematochimico.

Una volta identificato il doppio danno polmonare i medici potranno utilizzare le misure più innovative ed efficaci come la ventilazione meccanica. La ventilazione non invasiva invece potrà essere riservato a coloro che hanno un danno singolo, o agli alveoli o ai capillari, lasciando disponibili i macchinari per la ventilazione meccanica a chi ne ha assoluto bisogno.

COME TRADURRE L’ARTICOLO – HOW TO TRANSLATE THE ARTICLE

Traduttore Google del Sito per la Comunita – Translator Google Site for Community

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...